+ 39 329 6639960  |  info@bellia-psicoterapia.it

vincenzobelliastudio-psicoterapia-catania
IMG0623

DOTT. VINCENZO BELLIA

OFFERTA PROFESSIONALE

ICON1ICON2

Il primo contatto

Tutti coloro che ne faranno richiesta (via e-mail o via sms) saranno contattati telefonicamente dal dott. Bellia. È l’occasione per un primo essenziale scambio di informazioni, a seguito del quale si potrà fissare un appuntamento, ovvero essere indirizzati verso altri più opportuni percorsi.

La valutazione della richiesta

La fase di valutazione è “il tempo del comprendere”. Avviene in uno-tre colloqui, nel corso dei quali si esamina la problematica presentata nelle sue diverse sfaccettature, ma nello stesso tempo si stabilisce una prima reciproca conoscenza: elementi della storia personale di chi richiede

l’intervento, da una parte; dall’altra, lo stile personale, relazionale e operativo del professionista. La valutazione avviene per lo più mediante il colloquio, ma potrebbero essere richieste anche indagini medico-strumentali e non è raro l’impiego di test psicodiagnostici. Durante questa fase, a

seconda dei casi, possono essere già poste in atto le prime indicazioni terapeutiche. In ogni caso il professionista, a conclusione della fase valutativa, formula il proprio parere con preliminari indicazioni diagnostiche, prognostiche ed eventualmente terapeutiche.


Il trattamento

Le eventuali indicazioni terapeutiche prospettate possono contemplare una o più delle prestazioni offerte presso lo studio, che elenchiamo

sinteticamente indicandone modalità, tempi e caratteristiche.

Il programma terapeutico è posto in atto concordandolo e verificandolo nel tempo con chi ne fa richiesta. Esso può prevedere una psicoterapia

e/o un trattamento psicofarmacologico. A seconda dei casi, le due forme di trattamento possono anche essere integrate, simultaneamente o in tempi diversi (se fossero coinvolti più professionisti può essere necessario un raccordo tra loro).


1. Psicoterapia (Individuale / Di Gruppo / Familiare)

Il principale riferimento teorico e metodologico della psicoterapia praticata allo studio è la gruppoanalisi. Si tratta di un approccio psicodinamico che, prevalentemente mediante la comunicazione verbale, lavora sul problema presentato esplorandone le relazioni tanto con il “qui e ora” (l’attualità della vita personale, familiare, sociale, lavorativa, progettuale) quanto con il “lì e allora” (la storia di sviluppo, il retroterra familiare,  transgenerazionale, socio-culturale), muovendosi tra il reale (sintomi, fatti, comportamenti, reattività emotiva, modalità di relazione) e l’immaginario

(sogni, fantasie, credenze). L’approccio gruppoanalitico si rivela particolarmente adatto quando la problematica presentata attinge più o meno significativamente all’organizzazione di personalità, cioè quando siano presenti modalità abituali di esperienza poco flessibili e ricorrenti in una

pluralità di situazioni esistenziali, e inoltre quando il problema risulti significativamente connesso alla sfera relazionale, presente o passata.

Con la psicoterapia (specie se di gruppo o individuale) la risoluzione del problema (guarigione) poggia su una solida consapevolezza soggettiva e si accompagna allo sviluppo di risorse personali (cognitive, emotive, stile di vita) in grado di veicolare le energie all’autorealizzazione, nonché di fronteggiare efficacemente futuri stress e rischi di ricadute. Ciò giustifica il significativo impegno di tempo, denaro e coinvolgimento personale richiesto. La psicoterapia potrà essere effettuata in setting individuale, di gruppo, familiare o in una loro combinazione, fondamentalmente sulla base della valutazione del professionista, ma tenendo nel massimo conto l’orientamento e le disponibilità di chi fa la richiesta.


2. Terapia psicofarmacologica

Se praticato senza una parallela psicoterapia, il trattamento farmacologico (accompagnato comunque da colloqui di sostegno, oltre che di monitoraggio clinico) offre il vantaggio di una indubbia economicità (di tempo, denaro e implicazione personale), ma non permette certamente di

intervenire in modo approfondito su quegli aspetti dell’organizzazione psichica, della vita di relazione e dello stile esistenziale che alimentano, sostengono o innescano addirittura il disturbo psichico.


A fronte di un diffuso pregiudizio sugli psicofarmaci, con una non irrilevante ricaduta in termini di giudizio di valore sull’autonomia e la dignità personale di chi vi fa ricorso, mi sembra assai importante sottolineare i recenti progressi scientifici in termini di efficacia, maneggevolezza e

sicurezza di impiego dei farmaci. Per molti di essi anche il “fantasma della dipendenza” va radicalmente ridimensionato, per riportarlo da una parte ai dati obiettivi, dall’altra a problematiche personali di dipendenza che non nascono certo con la prescrizione farmacologica.


Per alcune patologie il trattamento farmacologico è pressoché indispensabile, sulla base delle evidenze scientifiche. In tante altre condizioni una terapia farmacologica prescritta, monitorata e rimodulata ad hoc diventa quel fattore decisivo che consente al soggetto di attivare le proprie

risorse personali, utilizzarle efficacemente per l’autorealizzazione, effettuare in modo più produttivo la psicoterapia: è dimostrato, del resto, che l’abbinamento dei due trattamenti (psicoterapico e farmacologico) ha efficacia superiore a quella di ciascuno di essi preso a sé.


Il trattamento psicofarmacologico presso lo studio ha una durata variabile da pochi mesi ad alcuni anni. Prevede una fase di prescrizione e adattamento della terapia (con incontri relativamente frequenti), seguita da una fase di monitoraggio e di conclusione (con incontri più distanziati, da

mensili a trimestrali). In corso di terapia farmacologica possono essere richiesti periodici controlli biochimici e/o strumentali.

3. Danzamovimentoterapia

La danzamovimentoterapia (Dmt) di per sé è una delle professioni recentemente disciplinate dalla legge 4/2013 e dalla Norma UNI 11592:2015. Nella sua valenza di risorsa clinica complementare, è impiegata a scopo di crescita personale o integrata al trattamento psicoterapico. Può essere svolta attraverso esperienze isolate di laboratorio intensivo a tema, oppure mediante percorsi continuativi (di gruppo o individuali, a cadenza settimanale o quindicinale).

Altre prestazioni

Prestazioni di valutazione clinica possono essere richieste anche a scopo di certificazione per fini medico-legali. Tempi, modalità e costi sono da stabilire da caso a caso.

BELLIA-PSICOTERAPIA-STUDIO-CATANIA

Per maggiori informazioni:


INFO@BELLIA-PSICOTERAPIA.IT​

+39 329 66 39 960

Libero professionista, iscritto all’Ordine dei Medici della Provincia di Catania (n. 8591) Docente di Gruppoanalisi alla Scuola di Specializzazione in Psicoterapia della Coirag a Palermo Direttore della Scuola di formazione in Danzamovimentoterapia Espressivo-Relazionale di Roma Danzamovimentoterapeuta certificato FAC 

WWW.BELLIA-PSICOTERAPIA.IT  |  ALL RIGHT RESERVED 2017

INFO COOKIE POLICY |  POWERED BY FLAZIO EXPERIENCE

Create a website